Buntes Leben: i colori di Berlino, tubi rosa e tubi blu!

Tubi rosa, tubi viola, tubi blu, tubi color lillà: ti svegli a Berlino e improvvisamente le tue vie sembrano un incrocio tra la Fabbrica di Cioccolato di Willy Wonka e una futuribile Metropoli Cybercamp. Apparse quasi dal nulla, intricate tubature color caramella corrono sopra la tua testa, ridisegnando la skyline della città.

A me fanno venire subito in mente un mondo di dolci e giocattoli: un fantastico scenario urbano in stile “Dolce Forno Harbert”. Uno guarda questi tubi rosa e azzurri e immagina che trasportino chissà quale colata zuccherina…succo di lamponi…sciroppo di mirtilli…cioccolata colorata…che viaggia attraverso le vie di Berlino, sopra i suoi golosi abitanti, per rifornire quelle fabbriche di dolciumi che qui in Germania non conosceranno mai la crisi: insomma se entri da Real,- (catena di supermercati tedesca) ci sono sei corsie per i dolci e solo mezzo scaffale per la pasta!

Invece nessuna leccornia…sono solo tubature per l’acqua.

Drenano la terra umidissima su cui sorge Berlino e riversano l´acqua nella Sprea. Berlino infatti sorge su un vasto impaludamento dei fiumi Sprea e Havel, che avanzando lentamente nelle pianure del Brandeburgo si allargano in grandi meandri e laghi infiniti.

Il nome stesso di Berlino deriva proprio dalla voce slava che indica “palude”, non fatevi ingannare dagli orsi e dagli orsetti (in tedesco “Bär „)!!!

Io pensavo che questi tubi colorati appartenessero al passato di questa città, quando il fermento edilizio era tale che per comodità si preferì mettere i tubi in cielo anziché interrarli, visto che sventramenti, abbattimenti, scavi, ruspe e gru erano all’ordine del giorno. Avevo il sospetto che, passato oramai quel delirio architettonico degli anni ’90, quando andava riedificata Pariser Platz o costruita dal nulla la cittadella del futuro in Potsdamer Platz, di quei tubi non si sapesse più che farsene. E che li conservassero qua e là per la città come monumento a quegli anni di ricostruzione, quando gli studi architettonici di tutto il mondo guardavano questa città come un bimbo guarda la vetrina di una pasticceria sotto Natale. Scusate…tornano i paragoni glicemici…sarà la fame…o sarà l’ effetto di questi tubi rosa che ora vedo dalla finestra….immaginate di poterli trivellare di notte e spillare cioccolata e marzapane di nascosto…

Pare perciò che presto a Friedrichshain – ecco ho svelato dove vivo – ci saranno grandi lavori in corso per le strade. Altrimenti non capisco perché ci abbiano montato questi tubi in testa.

Quindi Berlino non è ancora finita: rimarrà sempre la città dei cantieri. Ma intelligenti e colorati. Mica come Milano dove sbragano le strade per mettere…che ne so…i cavi di Fastweb…chiudono…riasfaltano…e dopo tre giorni riaprono tutto per calare i tubi dell’acqua…riempiono…riasfaltano…e dopo una settimana di nuovo c’ è un cantiere per l’ATM…e i tubi vengono su e giù e ti levano l’acqua, la corrente, il telefono almeno una volta al mese…chi legge queste righe e vive a Milano sa che non sto scherzando…

Intelligenti cantieri berlinesi e …colorati! Mi piace questa città che non ha paura a sfoggiare tutta la palette dei colori messa a disposizione dalla Natura. O dai Manga. Che non trema davanti al rosa. Che non fugge davanti al lillà. Che lascia che i suoi tubi e soprattutto le sue case abbiano tutte le sfumature dei fiori. Mentre i monumenti (i “denkmal”) rimangono per lo più intatti. Puliti.

Per fortuna i tedeschi sanno essere anche inconsapevolmente buffi, a volte ridicoli. Altrimenti tutta questa perfezione potrebbe cominciare a darmi sui nervi!

tubi rosa e lilla nei pressi di Potsdmer Platz
tubi rosa e lilla nei pressi di Potsdmer Platz
...ma non cercateli più ora...sono già spariti!!!
…ma non cercateli più ora…sono già spariti!!!

6 thoughts on “Buntes Leben: i colori di Berlino, tubi rosa e tubi blu!

  1. Sono venuta a Berlino due anni fa, ne sono rimasta piacevolmente sorpresa, affascinata, condivido tutto ciò’ che ha scritto! Ora Berlino e’ x me la citta europea, dopo Londra + bella d’Europa… Non e’ freadda…. E’ vivacissima, piena di cultura. In continua ordinata evoluzione… Uno spettacolo! Luciana

  2. Anche noi siamo stati colpiti da questi tubi , pensavamo al teleriscaldamento o dove l’idea di scavare tra le macerie di un passato avesse dato spunto a questa strana cosa di mettere i tubi sopra piuttosto che sotto.
    Grazie per la spiegazione

  3. domenica 04/03/20012,siamo tornati da berlino e ci siamo fatti la stessa domanda,grazie per il chiarimento,comunque i tubi ci sono ancora.

  4. Ci sono stata pure io per il capodanno, i tubi ci sono ancora. Grazie per la spiegazione, non capivamo a che cosa potessero servire

  5. siamo tornati ieri da Berlino, e ti confermo che ci sono ancora i tubi rosa, e fino a questo momento non avevo idea di cosa trasportassero. grazie mille per il chiarimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *