Dark Market: bancarelle e grigliate, new wave ed esoterismo nel giardino gothico di Berlino

C´è una casetta di mattoni in Dunckerstrasse (Prenzlauer Berg).  Coperta di rampicanti verdi come capelli di strega, illuminata di rosso, se ci passi, la notte. Forse una parrocchia di campagna infestata, o forse una locanda per licantropi e folletti, banshee e raminghi fantasmi, spuntata come un fungo stralunato nel bel mezzo di Berlino.

Chi ama la musica dark la conosce bene questa casetta: si chiama Duncker Club, ed ospita da vent’anni a questa parte una delle feste più interessanti e oscure della città. Eccentricamente il lunedì sera.  Dark wave, gothic, punk, minimal, industrial, ebm, neofolk… ci si va per la musica al Duncker Club, la musica scura, e per incontrare la gente che – eccentricamente – non si adegua al conformismo festaiolo del week end. E danza, in quella casetta strana, sulle melodie cupe del Dark Monday.

Quattro volte all’anno poi, in corrispondenza delle quattro stagioni che segnano lo scorrere della Ruota del Tempo, questa casetta apre le sue porte anche alla luce del giorno e accoglie un mercatino dell’arte e dell’usato tutto speciale. Pensato per i suoi eccentrici, oscuri visitatori. Ma non solo. Non temete, non ci trovate certo teschi di montone o calderoni di sangue a bollire. E nemmeno torte di pipistrello o livide mani di morto!

Piuttosto un giardino luminoso, con gazebi avvolti di rovi e fiori, un grande grill profumato di carni succulente, biscotti fatti in casa, birra e tante tazze di caffè. Sui tavoli coperti di velluti e candele, pile di libri, cd musicali, essenze profumate, erbe da bruciare. E poi abiti – tutti rigorosamente neri – usati e venduti a pochissimo. Gioielli d’argento e piccoli oggetti di artigianato, in legno e cuoio. Ci sono bancarelle specializzate in magliette punk rock e bancarelle specializzate in articoli magici. Ci sono bancarelle che vendono foto artistiche e bancarelle dove vi leggono i tarocchi, magari accompagnati da una fetta di torta. Bancarelle di abiti medioevali per agghindarsi da elfi, bancarelle di calze a rete e stivali in vinile da sfoggiare nelle notti di Berlino.

Un giardino delizioso dove passare la domenica pomeriggio, dando una sbirciatina ai tavoli, trovando magari qualche sorpresa a buon prezzo, bevendo e mangiando in compagnia degli amici e ascoltando la musica.

Perché la musica al Duncker non manca mai.

Il Dark Market è un momento di incontro imperdibile per chi ama la scena gothica, ma non si lascia ammorbare dai suoi risvolti più sinistri (e a lungo andare noiosi). È l’occasione perfetta per conoscere altre persone dell’ambiente, con la tranquillità e l’agio di un pomeriggio d’estate, trovando finalmente modo di parlare e ridere, sapere un po’ di più della gente in nero che vive a Berlino e che si incontra sera dopo sera, party dopo party, senza avere mai modo di parlarci davvero.

Per il viaggiatore gothico è anche il momento giusto per fare un po’ di shopping a buon mercato e per avere tutti i consigli sulla scena a Berlino, quali sono le feste e i locali migliori, i negozi di dischi o vestiti più forniti, i dj imperdibili. E stringere qualche amicizia, che non fa mai male.

Ma anche chi gothico non è, o non è più, per chi è incuriosito da questa strana sottocultura metropolitana, per chi vuole vedere qualcosa di diverso, immerso una atmosfera da favola grottesca, alla Tim Burton, il Dark Market è un buon modo per impiegare il pomeriggio del week end, dopo i bagordi del sabato notte.

E se non vi piace, lasciate che i Gothi danzino le loro danze, bevano il loro thè stregato e chiacchierino di fondo tinta e Peter Murphy: là fuori c’è tutta Prenzlauer Berg che vi aspetta.

Le porte del Duncker si chiuderanno al tramonto e si riapriranno il prossimo lunedì notte o, come i portali di un regno fatato, al prossimo giro della Ruota del Tempo.

Il Dark Market d’ Estate si terrà domenica 12 luglio. See you there!!!

 

Fairy Banquet - Fitzgerald
Fairy Banquet – Fitzgerald

 

0 thoughts on “Dark Market: bancarelle e grigliate, new wave ed esoterismo nel giardino gothico di Berlino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *