I sette dormienti e le previsioni meteo per l’estate

I sette dormienti in un’icona russa

Vedere il sole questa mattina è stato bello, perché vedere il sole è sempre bello. Ma il sole di oggi ha un’importanza particolare, perché porta con sé il sole delle prossime sette settimane.

Il 27 giugno è chiamato in Germania anche “giorno dei sette dormienti”; la tradizione contadina vuole che il tempo atmosferico di questa giornata si protragga per le successive 7 settimane, determinando così l’umore di buona parte dell’estate.

I “sette dormienti” di cui si parla sono i personaggi della leggenda del 27 giugno – tramandata dalla religione cristiana e da quella islamica, ma ormai ricordata solo in Germania –, che risale alle persecuzioni anticristiane del terzo secolo dopo Cristo. Per sfuggire alle persecuzioni dell’imperatore Decio sette giovani cristiani si nascosero in una grotta ai margini della città di Efeso. Solo uno di loro, il più giovane, usciva una volta al giorno per procurare del cibo a sé e ai compagni e per controllare la situazione. I giovani furono tuttavia traditi dai loro stessi padri, che per evitare le torture minacciate dall’imperatore svelarono il luogo del loro nascondiglio.

L’imperatore non mostrò alcuna pietà per i sette giovani e ordinò che la grotta nella quale giacevano addormentati fosse murata dall’esterno, condannandoli a una lenta e dolorosa morte per soffocamento. O stenti.

Circa duecento anni dopo, proprio un 27 giugno, la grotta fu riscoperta e i sette giovani si destarono dal loro lungo sonno, scoprendo con piacere che il Cristianesimo si era imposto come religione dell’Impero – e che ora i perseguitati erano altri. L’imperatore di turno, Teodosio, onorò i sette giovani come icone di fede e trasmise la loro vicenda a riprova del dogma cristiano della resurrezione della carne.

Da allora il 27 giugno è il loro giorno, e se la tradizione ha ragione la nostra estate sarà una stagione di sole e di caldo. Che quest’anno ci faranno, precisamente, resuscitare.

2 thoughts on “I sette dormienti e le previsioni meteo per l’estate

  1. …27 giugno, lascio alle spalle 1 anno a berlino e con il sole in viso di primo mattino (7 settimane solo di sole? mai viste a berlino! 😛 ), salgo in auto e me ne torno in italia… è già passato un mese, ma non è passato giorno che non abbia provato una forte nostalgia… provo a raccontare a tutti quale magica esperienza sia stata, ma non c’è nulla da fare, per quanto io mi impegni, chi non ci è stato non può capire… chi non ci è stato non ha ancora potuto percepire, l’atmosfera magica di una città dentro e fuori dal tempo… io c’ero, e grazie a voi di berlinandout è stato tutto ancora più emozionante! A presto berlino! Anna, giuro che una birra te la offrirò prima o poi, magari anche con Michele ed Eugenia!

    1. ..e noi ti aspettiamo sotto il raro sole e avvolti nella magia che, come hai ragione!, bisogna provare sulla propria pelle. Spero che ci ritroveremo tutti prima o poi a passeggiare per Berlino all’inizio dell’inverno, a mangaire la zuppa uscita da una cucina riaperta per noi e a godere dell’aria sublime della città dai mille volti. Un abbraccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *