Experimontag: Buon viaggio, Berlin.

A Berlino la musica c’è proprio tutta, e questa non è una novità. Chiunque ci venga a vivere [specie da Paesi che la cultura la tagliano, come le punte bruciate dei capelli] sarà piacevolmente sorpreso di scoprire che, qualunque sia il suo gusto musicale, ci sono al mondo persone che lo condividono, e addirittura locali che lo promuovono con serate, concerti, dj-set.

C’è così tanto di tutto che c’è anche chi si permette di essere spocchioso e annoiato, di indossare la maschera eclettica del “già visto, già fatto, già sentito”.

Ma Berlino lo sa bene, e lo sa Madame Claude. Con premura materna la città e il locale della Lübbener Strasse pensano a chi non vuole uscire di casa per sentire cose già sentite, a chi è nauseato dal mainstream e soprattutto a chi ha un budget da rispettare. L’El Dorado di chi appartenga a una o più di queste categorie è l’Experimontag, il lunedì sperimentale di Madame Claude [ogni lunedì alle 22.00].

Nei posti dove non ce n’è, la musica sperimentale è spesso considerata una bestia esotica che non ispira alcuna simpatia, che dà fastidio e fa “solo rumore”. Se si è abituati o alla ricerca di jingles orecchiabili, che possibilmente rimangano impressi nella testa fino alla metà del giorno dopo, la definizione è accurata.

Se invece di tali motivetti rassicuranti non se ne può più si può provare a entrare in una serata dove il protagonista è l’Inatteso, il Dissonante – visto e ascoltato per una volta come possibilità, e non come errore.

Se John Cage ha ragione, e ‘un’azione sperimentale è quella il cui risultato non è previsto’, allora la bellezza della musica sperimentale è proprio l’imprevedibilità di ciò che si sta sentendo. In nessun momento sappiamo come proseguirà il momento, se ci sarà ancora suono, o silenzio, se cambieranno i ritmi o gli strumenti che stiamo ascoltando. O cosa siano i suoni che stiamo sentendo. Siamo in viaggio, e non in villaggio vacanze. Non c’è genere per la musica sperimentale, ché sperimentare si può sempre, e contaminare anche, indipendentemente dalla propria provenienza. Uscire dai confini di genere, e sorprendere e farsi sorprendere.

Entrando all’Experimontag si può fare proprio questo, rilassarsi e lasciarsi stupire. Sin dall’ingresso: nessuno vi dirà che il prezzo è questo o quello, vi chiederanno semplicemente: tra 1 e 5 Euro, quanto vuoi pagare? Sarete così già nella giusta disposizione di spirito per accettare tutto l’inaspettato del dopo. Che inizia subito, con i mobili del Madame Claude che sono tutti a rovescio, con le gambe in su e in qualche caso attaccati al soffitto. La bottiglia di birra invece ve la daranno dritta, e potrete sedervi tranquillamente a sorseggiarla tra gambe di tavolini e sfide di ogni genere alla forza di gravità.

L’inizio dei concerti è annunciato da una trombetta suonata un po’ di volte in giro per il locale: il richiamo al quale ci si sposta tutti nel Keller, la cantina, a lasciarsi accompagnare nel resto della settimana da un sorprendente viaggio.

Experimontag

Madame Claude

Lübbener str.19

10997 Berlin Kreuzberg

U1 Schlesisches Tor

Related Blogs

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *