Imbiss Kultur 5: Quark – bar

Se volete scoprire tutti i sapori del Quark non dovete andare fino a Ginevra per correre dietro alle particelle che si frantumano al CERN, né tanto meno scomodare i parenti di Piero Angela, basta, ad esempio, fare un giretto al Mercato Turco di Berlino. No, non è che ‘sti tedeschi si pappano pure le particelle subatomiche (anche se pure loro, dice la fisica, hanno i loro sapori, le particelle dico, non i tedeschi), il quark è molto più semplicemente un delizioso latticino che, chissà come mai, in Italia non è mai arrivato, o, forse, mai attecchito. Quando arrivai a Berlino cercarono vanamente di spiegarmene il sapore e la densità paragonandolo allo yogurt (ma è meno acido), al mascarpone (no, è molto molto più leggero), al Fiorello (lo mangiavamo noi bambini degli anni ’80 col Nesquik, ma il quark è meno dolce e più cremoso), al Fruttolo (che è decisamente anni novanta, artificialissimo), al gelato (ma proprio non ci siamo). Forse un mix di gelato/mascarpone/yogurt? E se ora – visto che l’ho evocato nel proemio – saltasse fuori Alberto (figlio di Piero) a spiegarci che scientificamente il quark è un formaggio? Come un formaggio? Fermo Alberto, non serve che ti tuffi nella vasca della casera per svelarci i misteri della fermentazione: dacci un cucchiaino e lascia decidere a noi. Che siamo più golosi che scienziati.

Il Quark si è scoperto come uno dei migliori snack da passeggio offerti sulle strade berlinesi. Essendo l’alternativa una salsiccia con ketchup e curry, potersi rifugiare su qualcosa di fresco e potenzialmente leggero mi è sempre parso il modo perfetto per pranzare fuori casa. O bloccare un attacco di fame rapace. O supplire a quella voglia di gelato, quello buono, che ahimè a Berlino non ho ancora trovato (confesso: il gelato è una delle poche cose che mi manca dell’Italia. Oh tu lettore, stupiscimi e dammi l’indirizzo di un’ottima gelateria a Berlino!).

Quark da passeggio lo si trova in quasi tutte le Backerei (panetterie), nei supermercatini bio, al bar,  ma il nostro consiglio da Imbiss Kultur è il Quark – bar ambulante che trovate il martedì e il venerdì al Mercato Turco di Kreuzberg, la domenica al Flohmarkt di Mauerpark. Lì una burrosa signora cinguettante vi riempirà il bicchiere con questo formaggio(!) dolce nelle sue molteplici varietà: dalla frutta alle creme ed è ovvio che più vi spingete verso il limite cioccolatoso dello spettro dei sapori più le calorie salgono. Sopra una spolverata di croccante o codette di cioccolato o lamelle di mandorle o smarties o, se proprio siete salutisti, frutta fresca. La signora è chiara: da una parte ci sono i magerquark per chi tiene alla linea, dall’altra i sahnequark (in cui da brava mamma tedesca ha aggiunto della panna, che vi darà con il tempo quella bella aria sana e paffutella da Heidi in mezzo alle capre). A voi la possibilità di comporre a piacere il vostro “becher” miscelando sapori e sovrapponendo “toppings”.

La Signora del Quark ha anche un altro merito segreto: proprio come le rondini la sua comparsa sulle strade berlinesi segna il ritorno della bella stagione. D’inverno il suo bar ambulante sparisce, si riposa, si congela, chi lo sa. Magari come le rondini anche lei va in un paese più  caldo a mescolare crema di latte e cioccolato, oppure si riposa davanti al caminetto a Spandau. Noi la aspettiamo, fedeli devoti alla coppetta tre gusti, passando e ripassando al suo incrocio in attesa di un segno, non si sa se di luce o di golosità. Fino a che la bella stagione non si conferma lei non farà la sua comparsa, passa marzo, arriva aprile e piove e ancora noi aspettiamo il nostro conforto dolce, poi finalmente esplode decisa la primavera (anche se sappiamo che a Berlino non è mai irrevocabile) e la Quarkfrau riporta il suo carretto in strada.

Di fatto, questa sviolinata per la Quarkfrau vale come offerta propiziatoria: sull’altare delle Stagioni fatemi deporre un bicchiere sacrificale colmo di quark lampone e cioccolato bianco perché l’Estate, commossa, ci si conceda, finalmente, senza riserve. Prendiamola per la gola, questa stagiome luccicante e capricciosa, e cerchiamo di tenercela stretta più che si può.

Fenomeno berlinese: se fino a qualche anno fa eravamo in pochi a fare la fila, ora c’è sempre una frotta di gente davanti al Quark – bar tant’è che la Signora del Quark si è dovuta prendere gli assistenti. Il Quark è diventato uno snack di strada trendy. Ma per fortuna con quel tocco di “fatto in casa dalla mamma” che ci piace tanto, “Futtern wie bei Muttern” e se non è Imbiss Kultur questa!

 

One thought on “Imbiss Kultur 5: Quark – bar

  1. Viaggiare è bello anche per il cibo. Non ti nego che questo Quark sembra un po’ inquietante… 🙂 ma io dopo aver preso per i fondelli (per anni) gli amici tedeschi che bevono apfelwein… non riesco a farne a meno 🙂
    ed anzi se conoscete un sito di vendita online di cibo tedesco… segnalatelo!! Vi sfrutto senza vergogna. Invece che i nostri agenti all’Avana…. siete i nostri agenti a Berlino!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *