Photo-Berlin – Quattro giorni per raccontare Berlino

Pho[to-Be]rlin
Pho[to-Be]rlin

Si è concluso nell’estate del 2013 con il workshop condotto da James Withlow Delano il primo ciclo di laboratori sul reportage fotografico organizzati a Berlino da Photo-Berlin. Linda Ferrari completa così il primo anno di lavori sulle rive della Sprea, al servizio di tutti gli appassionati o giovani professionisti della fotografia desiderosi di migliorare la loro competenza con l’aiuto di professionisti. Photo-Berlin per un anno ha creato connessioni tra amatori e grandi fotografi, ha partorito sinergie e si propone di ritornare nel 2014 con un nuovo ciclo di workshop, per aiutare ancora più fotografi a trovare la loro voce più autentica e a realizzarsi come professionisti.

Photo-Berlin organizza workshop fotografici di quattro giorni, durante i quali i partecipanti sono guidati da un fotografo professionista nel percorso di creazione del loro reportage. Le tematiche variano a seconda del fotografo che conduce il workshop: ognuno di loro porta a Berlino un pezzettino della sua professionalità acquisita in molti anni di lavoro, e la poliedricità della città consente a ognuno di lavorare nel suo campo di interesse più specifico.

Così il gruppo di Monika Bulaj, la prima dei professionisti coinvolti da Linda nel progetto Photo-berlin nel novembre del 2012, si occupa della comunità musulmana di Berlino con il workshop “God’s People”; Stefano de Luigi affronta il mondo del cinema all’interno della capitale tedesca con il progetto “Cinema Mundi”, Jocelyn Bain Hogg sguinzaglia il suo gruppo alla ricerca di scatti che rendano giustizia alla realtà dell’edonismo da party berlinese con “Pleasure Island”, e James Withlow Delano chiude il ciclo di laboratori nel luglio del 2013 esplorando con il suo gruppo la realtà della vasta comunità vietnamita di Berlino, con il workshop “Vietnamese Community”. [Qui tutte le gallerie realizzate]

Ogni workshop è preceduto da una opening lecture, un incontro aperto a chiunque, gratuito, in cui il professionista che condurrà il workshop presenta sé e il suo lavoro al pubblico. L’opening lecture è l’occasione per molti berlinesi, insider o profani della fotografia, di avvicinarsi al suo mondo o di penetrarlo più in profondità, venendo a contatto con fotografi provenienti da tutto il mondo. Photo-Berlin e l’istituzione culturale The Wye che lo ospita diventano il luogo in cui convergono le domande e le risposte dei fotografi di ieri, oggi e domani, nel cuore di Kreuzberg. Ogni workshop affronta una tematica diversa, e piano piano la rosa dei punti di vista sulla città di Berlino e sui suoi colorati abitanti si allarga, diventa più definita. I workshop di Photo-Berlin creano, oltre che connessioni tra persone, una mappa della città per immagini, che ne vuole abbracciare quanti più aspetti possibile.

Non solo i partecipanti avranno, alla fine dei quattro giorni di workshop, realizzato un reportage completo sul tema assegnato; le mattinate di ricerca ed esposizione teorica li aiutano a individuare problemi e sfide del mestiere del fotografo, a perfezionare la composizione si ogni singola immagine e il ritmo narrativo nell’intero reportage. La storia si può raccontare per immagini descrittive o evocative, con abbondanza di dettagli o parsimonia. Gli angoli intorno a un soggetto sono infiniti, e raccogliere informazione in fotografia consiste nello scegliere quello giusto per ogni situazione, connettendo ogni immagine all’altra in un discorso fluido, evitando ripetizioni e fermando quindici volte il tempo in uno scatto, per sviluppare un discorso in quindici capitoli. Il fotografo professionista elargisce poi consigli ed esperienza non solo su come fare un buon lavoro, ma anche sugli strumenti per il “marketing di se stessi” che ogni libero professionista ha il dovere di conoscere. Agenzie, portali, carta stampata: come proteggere le proprie immagini dagli appropriamenti indebiti e farle arrivare nelle mani giuste, quelle di chi le può pubblicare e rendere loro giustizia.

Photo-Berlin è un laboratorio che si propone di aiutare fotografi di tutto il mondo a trovare la loro voce nel grande universo della fotografia giornalistica. Berlino fa da sfondo a ogni ricerca con la sua quantità infinita di temi e persone da immortalare e raccontare; in controtendenza rispetto all’onnipresente autoformazione dei fotografi berlinesi, il workshop conduce dei brillanti amatori, o professionisti alle prime armi, un po’ più vicini a diventare parte attiva del giornalismo fotografico, invitando alcuni dei pilastri di quest’arte a condividere le loro esperienze, in un rapporto diretto e personale con ognuno dei partecipanti. I workshops si svolgono in lingua inglese, e sono aperti a persone di qualunque provenienza. Ad oggi hanno partecipato al progetto Photo-Berlin persone provenienti da Germania, Italia, Polonia, Irlanda, Belgio, UK, USA, Bangladesh, Francia, Olanda, Ucraina, Kazakistan, Armenia. La presenza di partecipanti internazionali aumenta esponenzialmente la qualità dell’esperienza, poiché coppie d’occhi dai quattro angoli del pianeta rilevano particolari diversi, e commentano le fotografie con i riferimenti più disparati. Non solo la tecnica viene quindi migliorata, ma anche la sensibilità culturale di ognuno rispetto agli argomenti trattati e all’estetica della fotografia. Un’esperienza che arricchisce e aiuta a non perdere di vista l’obiettivo, allargando i propri orizzonti alla ricerca della storia più intima di ognuno.

Per partecipare ai workshop 2014 potete contattare Linda qui: info@photo-berlin.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *