I Musei di Berlino

musei di Berlino

Bodemuseum, Berlino

Berlinandout vi propone qui di seguito una lista dei principali centri di documentazione e musei di Berlino.

Per lasciarvi guidare da noi nei musei di Berlino consultate la pagina delle nostre visite guidate!

Costo d’ingresso nei musei:

Nei musei statali entrano gratis i ragazzi fino a 18 anni e gli studenti. Per gli adulti e per i musei non statali il costo varia a seconda del museo (seguite i link alle diverse istituzioni per i dettagli di ognuna).

Il Museumspass è una tessera che costa 24 euro e permette l’accesso a molti musei per 3 giorni.

Nei Musei Statali i portatori di handicap entrano con la tariffa ridotta del 50%, previa esibizione del tesserino di invalidità.

 

Akademie der Künste, Hanseatenweg Hanseatenweg 10, Berlin

Akademie der Künste, Pariser Platz Pariser Platz 4, Berlin

 L’istituzione di un circolo di intellettuali, artisti ed architetti per la città di Berlino risale addirittura al 17mo secolo. Da esso discende l’Accademia delle Arti, che risulta nella sua struttura attuale dall’unione delle due Accademie della Berlino divisa.

Due sedi dunque: Pariserplatz (di fronte alla Porta di Brandeburgo) e Hanseatenweg, nella ex Berlino ovest.

Esposizioni temporanee di arte contemporanea, sempre di altissimo livello ed inserite in dibattiti culturali sui quali l’accademia offre approfondimenti a mezzo di seminari, lectures e pubblicazioni.

AlliiertenMuseum Clayallee 135, Berlin

Il museo delle forze alleate ripercorre la storia della Berlino divisa, dalla fine della Seconda Guerra mondiale fino al ritiro definitivo delle truppe alleate dalla città nel 1994. Offre una panoramica esaustiva del punto di vista occidentale sulla Guerra Fredda, ed espone numerosi cimeli dell’epoca.

Alte Nationalgalerie Bodestraße 3, Berlin

La Vecchia Galleria Nazionale è una costruzione in stile neoclassico somigliante ad un tempio greco, costruita alla fine del 19mo secolo proprio per ospitare una collezione di opere d’arte.

Fa parte del complesso museale dell’Isola de Musei di Berlino, nel quartiere di Mitte.

Al suo interno pittura e scultura degli anni dalla Rivoluzione Francese alla Prima Guerra Mondiale: un percorso che va dal neoclassicismo all’impressionismo.

Altes Museum Am Lustgarten, Berlin

L’Altes Museum, Museo antico, è il primo edificio d’Europa ad essere costruito espressamente con la funzione di museo. Anch’esso parte del complesso museale dell’Isola dei Musei, ospita insieme al Pergamonmuseum la sezione dedicata all’arte antica del Musei di Berlino.

La collezione si compone soprattutto di sculture e reperti di epoca greca e romana, e fino al 2009 al piano superiore dell’edificio è possibile ammirare la collezione del Museo Egizio di Berlino.

Bauhaus-Archiv / Museum für Gestaltung Klingelhöferstraße 14, Berlin

La scuola del Bauhaus, i suoi padri fondatori e protagonisti, le linee di ricerca e gli interventi sul territorio – di Berlino e della Germania -, la nascita di un nuovo modo di concepire la grafica, l’arte e l’architettura e gli albori di una disciplina che si chiamerà design industriale.

Tutte queste cose sono raccontate dalle esposizioni – permanente e non – dell’archivio della Bauhaus, la cui sede è naturalmente un esempio dell’architettura della Scuola, progettato dal co-fondatore Walter Gropius alla fine degli anni ’60 e costruito una decina d’anni dopo sulle rive della Sprea.

Berliner Medizinhistorisches Museum der Charité Charitéplatz 1, Berlin

La collezione di preparati anatomici, secchi e a fresco, che costituisce il cuore dell’esposizione nel museo di storia della medicina è tra le più ricche ed importanti del mondo. La sua composizione si deve a Rudolf Virchow, uno dei padri fondatori della anatomopatologia.

Attingendo ai metodi dell’allora nuova tassonomia dei fenomeni naturali Virchow si propone di classificare tutte le possibili patologie nei loro diverso gradi di sviluppo e le pertinenti cure.

La collezione è esposta presso il campus Charitè, la clinica unversitaria piè importante d’Europa e più antica di Berlino.

Berlinische Galerie Alte Jakobstraße 124-128, Berlin

La Berlinische Galerie è ufficialmente il “Museo regionale per arte, fotografia e architettura moderne”. Fondata nel 1975 a Berlino Ovest per raccogliere opere d’arte di artisti berlinesi, o residenti a Berlino, si trova oggi nel quartiere di Kreuzberg. La collezione permanente ripercorre la storia dell’arte berlinese del Ventesimo Secolo, ed è affiancata da interessantissime mostre di artisti contemporanei, sempre squisitamente berlinesi.

Bode-Museum Monbijoubrücke, Berlin

Il Bode Museum fa parte del complesso museale dell’Isola dei Musei. La sua collezione raccoglie la sezione di scultura dei Musei di Berlino, con opere dal Medioevo al 18mo secolo, provenienti da molti Paesi, soprattutto Germania, Italia e Francia. Tra le altre incredibili opere d’arte spicca di certo la “ballerina” di Canova, uno dei più begli esempi del neoclassicismo italiano.

Fanno inoltre parte della collezione il Muenzkabinett, tra le collezioni di numismatica più imponenti al mondo, e il museo d’arte bizantina.

Botanischer Garten und Botanisches Museum Berlin-Dahlem Königin-Luise-Straße 6-8, Berlin

Il giardino e museo botanico di Berlino raccolgono circa 22.000 specie di piante, e sono così tra le istituzioni più importanti d’Europa per questo campo di ricerca. E anche tra le più antiche: la creazione di un giardino botanico per la cura e l’osservazione di diversi tipi di specie vegetali risale addirittura agli inizi del 16mo secolo.

Brücke-Museum Berlin Bussardsteig 9, Berlin

La collezione permanente del Bruecke Museum comprende esclusivamente opere di artisti appartenuti al gruppo “die Bruecke”, fondato nel 1904 a Dresda e diventato uno dei più significativi movimenti sorti in seno alla turbolenta arte espressionista d’inizio secolo.

La fondazione del museo risale al 1964, ed esso è oggi con le sue oltre 400 opere la più grande raccolta d’arte espressionista al mondo. La collezione permanente tornerà ad essere accessibile al pubblico nel Marzo del 2009; nel frattempo il museo organizza interessanti mostre tematiche su artisti e protagonisti del movimento espressionista.

DDR Museum

Karl-Liebknecht-Straße 1, Berlin

Il museo della DDR è molto giovane, esiste soltanto dal 2006, ma è già tra le esposizioni più visitate della città.

La collezione raccoglie oggetti e testimonianze relative alla vita quotidiana ai tempi della Repubblica Democratica Tedesca, e il museo si presenta con una struttura molto moderna e coinvolgente: la mostra è interattiva, il visitatore può toccare gli oggetti ed entrare negli spazi ricostruiti come interni dei tempi andati.

Denkmal für die ermordeten Juden Europas Cora-Berliner-Straße 1, Berlin

Il controverso “Monumento agli Ebrei assassinati d’Europa”, noto come “Monumento all’Olocausto”, è il più grande memoriale di Berlino per la commemorazione delle deportazioni ed assassinii perpetrati dal regime nazista ai danni del popolo ebraico.

Si trova in pieno centro, tra la Porta di Brandeburgo e la Potsdamerplatz, e il centro di documentazione al di sotto del monumento ripercorre gli orrori dell’olocausto e fornisce approfondimenti e testimonianze sul momento più buio della storia della Germania.

Deutsche Kinemathek – Museum für Film und Fernsehen Potsdamer Straße 2, Berlin

Il museo del cinema di Berlino è un gioiello incastonato nella cornice affascinante del Sony Center di Potsdamerplatz.

La collezione permanete si divide in due sezioni, il museo del cinema e quello della televisione. Entrambe ripercorrono la storia di questi media in Germania, dai primi anni del Novecento, quando il cinema tedesco dava il la al resto del mondo, ai tempi della divisione, quando la Germania sviluppò due diverse culture, due cinema, due televisioni.

Deutsches Historisches Museum Unter den Linden 2, Berlin

Il museo di storia tedesca racconta quasi anno per anno tutte le vicissitudini della nazione, da quando la landa Brandeburgo era una periferica regione dell’impero Franco fino alla nuova Germania unita del Ventunesimo secolo.

L’esposizione è precisa ed accurata e raccoglie reperti, cimeli e testimonianze di ogni epoca, affiancata da esposizioni temporanee incentrate su diversi temi della storia tedesca.

Deutsches Technikmuseum Berlin (DTMB) Trebbiner Straße 9, Berlin

La scienza, la tecnica e lo sviluppo economico tedeschi sono raccontati in tutte le loro fasi dalla collezione del Museo della Tecnica di Berlino. Un percorso che attraversa tutte le fasi e le metodologie della produzione made in Germany.

Nello “Science Center” il visitatore è inoltre avvicinato ai metodi e ai progressi della scienza mediante esperimenti sull’energia e il moto che può toccare con mano.

Gedenkstätte Berlin-Hohenschönhausen Genslerstraße 66, Berlin

Uno dei più cupi luoghi dell’orrore di Berlino: le prigioni della Stasi, il servizio segreto della Germania est. Oggi sono sede di una fondazione e centro di documentazione sulla vita carceraria, i metodi di interrogazione e le condizioni disumane cui gli oppositori al regime erano sottoposti.

Gedenkstätte Deutscher Widerstand Stauffenbergstraße 13-14, Eingang über den Ehrenhof, Berlin

Il memoriale alla resistenza tedesca si trova nel Bendlerblock, un complesso architettonico d’inizio secolo (20mo) che ospitava, durante la seconda Guerra Mondiale, il comando superiore dell’esercito e della marina militare -oggi, accanto al memoriale, il Ministero della Difesa.

Il conte Von Stauffenberg era un ufficiale dell’esercito tedesco, e fu l’esecutore materiale dell’attentato “Valchiria” che cercò di eliminare Hitler il 20 luglio del 1944.

Stauffenberg e molti complici furono uccisi meno di 24 ore dopo il fatto proprio in questo luogo, che commemora loro e i moltissimi civili e militari tedeschi che compirono tentativi di rivolta e resistenza al regime nazionalsocialista.

Gedenkstätte und Dokumentationszentrum Berliner Mauer Bernauer Straße 111, Berlin

La Bernauerstrasse corre in direzione est-ovest e separa per alcuni chilometri i quartieri di Mitte e Wedding: ai tempi della Berlino divisa uno dei suoi lati apparteneva alla DDR, l’altro alla BRD.

Il memoriale al Muro di Berlino racconta in loco la storia della “Barriera di protezione antifascista” con documentazioni scritte, audio e video, e offre dall’alto della struttura la visuale dall’alto del Muro e della striscia della morte, che dal lato est rendeva la barriera ancora più invalicabile.

Gedenkstätte und Museum Sachsenhausen Straße der Nationen 22, Oranienburg

Il campo di concentramento di Sachsenhausen doveva servire secondo il suo committente Himmler da “campo modello” per tutti i successivi. Dal 1945 al ’50 venne utilizzato anche dall’armata sovietica per l’internamento e la rieducazione dei soggetti “contaminati” dall’ideologia nazista.

Dislocato un po’ fuori Berlino, il campo è oggi un luogo della memoria, che documenta il visitatore con diverse mostre dedicate a tutti gli aspetti della vita in tali luoghi d’orrore.

Gemäldegalerie Matthäikirchplatz 4/6, Berlin

La Gemaeldegalerie, galleria dei dipinti, si compone di una ricchissima collezione di opere d’arte pittorica dal 13mo al 18mo secolo, provenienti da molti Paesi ed esponenti diversi stili e correnti artistiche.

La galleria si trova all’interno del complesso museale del Kulturforum a Potsdamerplatz, e la sua collezione è certo una delle più vaste dei Musei di Berlino.

Hamburger Bahnhof – Museum für Gegenwart  Invalidenstraße 50-51, Berlin

  La Hamburger Bahnhof, stazione di Amburgo, era effettivamente una stazione ferroviaria fino al 1945. Oggi è il “museo per il presente”, una delle sedi dei musei statali di arte contemporanea di Berlino. L’esposizione permanente è costantemente affiancata da eccellenti mostre temporanee, spesso personali, e la splendida location trasporta immediatamente il visitatore in una dimensione molto speciale.

Haus der Kulturen der Welt John-Foster-Dulles-Allee 10, Berlin

La casa delle culture del mondo è nota a Berlino come “ostrica incinta” per la sua particolare struttura architettonica, che rappresenta un importante esempio dell’architettura occidentale moderna (1964).

All’interno arte contemporanea nella forma di mostre, proiezioni, conferenze e dibattiti, e un occhio di riguardo alle tematiche e alle opere provenienti da culture extraeuropee: la casa delle culture del mondo si definisce “porta di Berlino sul mondo”.

Haus der Wannsee-Konferenz Am Großen Wannsee 56-58, Berlin

  In questa bella villa d’inizio secolo si tenne il 20 gennaio del 1941 la conferenza che doveva definire i dettagli della “Soluzione finale della questione ebraica nei territori del Reich”. Un pugno di ufficiali e funzionari nazisti si riunirono per dare il via alla deportazione e annientamento di undici milioni di ebrei. La mostra delinea il percorso che portò alla decisione di una soluzione finale, i dettagli della conferenza e le sue disumane conseguenze.

Hugenottenmuseum Gendarmenmarkt, Berlin

  Il museo degli Ugonotti si trova nel Duomo Francese, nella splendida cornice del Gendarmenmarkt. L’esposizione racconta la storia del protestantesimo in Francia e della consistente comunità che a cavallo tra il 17mo e il 18mo secolo lasciò la patria per emigrare, invitata dal granduca di Brandeburgo, verso Berlino.

Jüdisches Museum Berlin Lindenstraße 9-14, Berlin

  L’edificio che ospita il museo ebraico di Berlino è opera di Daniel Liebeskind, uno dei più grandi e visionari architetti della nostra epoca. L’edificio è tra le opere d’arte più suggestive e importanti di Berlino. La collezione ripercorre la storia del popolo ebraico in Germania, con molte sezioni dedicate ai diversi momenti e aspetti della comunità ebraica, e ai difficili temi dell’integrazione e della tolleranza.

Martin-Gropius-Bau Niederkirchner Straße 7, Berlin Mitte

  Il palazzo Martin Gropius è uno degli spazi espositivi più grandi a Berlino. L’edificio nello stile del Rinascimento italiano porta il nome del suo architetto, e ospita ogni anno molte esposizioni temporanee di arte, fotografia, archeologia e storia della cultura. Sempre di altissimo livello.

Mauermuseum Friedrichstraße 43-45, Berlin

Il Museo del Muro presso il Checkpoint Charlie è il primo museo che sia stato dedicato al Muro di Berlino, aperto già nel 1963. La collezione illustra il funzionamento del “sistema di protezione dei confini migliore al mondo”, cioè proprio del Muro di Berlino, e i vari tentativi perpetrati dai cittadini per eludere questo sistema. Sono esposte documentazioni di quegli anni e cimeli dei tentativi di fuga vittoriosi.

Märkisches Museum | Stadtmuseum Berlin Am Köllnischen Park 5, Berlin

Il Museo della marca è uno degli organi della struttura museale dedicata alla città di Berlino. Il complesso architettonico è un esempio di classicismo di fine Ottocento, che attinge ai temi del gotico tedesco e del Rinascimento. L’esposizione permanente racconta la storia della città di Berlino e della marca Brandeburgo, con un’attenzione particolare agli anni del Muro. Le varie mostre temporanee approfondiscono diversi temi relati allo sviluppo della città.

Museum für Asiatische Kunst Lansstraße 8, Berlin

 Il museo d’arte asiatica riunisce le collezioni di due esposizioni precedentemente divise: il museo d’arte dell’est-Asia e quello d’arte indiana. Il risultato è una ricca collezione d’arte orientale, con reperti e opere dal quarto secolo a.C. Fino al presente.

Museum für Fotografie / Helmut-Newton-Stiftung Jebensstraße 2, Berlin

La fondazione Helmut Newton ha in questo spazio vicino alla stazione dello Zoo la sua sede e il suo spazio espositivo. Al pianterreno la mostra si concentra sulla vita di Helmut Newton, un illustre berlinese, ed espone oggetti personali, oggetti di scena, copertine e molt’altro. Ai piani superiori le opere fotografiche, una selezione sempre nuova delle innumerevoli immagini di Newton e Alice Spring e numerose mostre temporanee con lavori dei grandi fotografi del Novecento.

Museum für Islamische Kunst Am Kupfergraben 5, Berlin

  Il Museo dell’arte islamica ha la sua sede all’interno del Pergamonmuseum, del quale costituisce una sezione. Espone opere d’arte provenienti dai Paesi del Medio Oriente dall’ottavo al 19mo Secolo.

Museum für Kommunikation Berlin Leipziger Straße 16, Berlin

La storia dei mezzi di comunicazione, dalle carrozze postali alle email, l’evoluzione degli strumenti di comunicazione, dai telegrafi alle teleconferenze, la tecnologia al servizio della parola per renderla sempre più veloce, più raggiungibile. All’entrata al museo sarete accolti da dei simpatici robottini semoventi, che vi daranno già l’idea di essere atterrati nel futuro.

Museum für Naturkunde Invalidenstraße 43, Berlin

  Dinosauri, ma non solo. Il museo di scienze naturali di Berlino spiega nel dettaglio tutte le meraviglie della natura, i suoi fenomeni e le sue stranezze. Il mondo animale, quello minerale e quello vegetale sono approcciati con chiarezza e semplicità, ma anche in modo molto accurato e preciso: ideale per tutta la famiglia.

Neue Nationalgalerie Potsdamer Straße 50, Berlin

  La Nuova Galleria Nazionale ha la sua sede in un edificio che è di per sé un’opera d’arte della modernità, progettato dal maestro del minimalismo Mies Van der Rohe. La collezione permanente raccoglie i classici del Ventesimo secolo, in un percorso nell’arte tedesca che va dagli albori del Novecento alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Neues Museum Bodestrasse 1, Berlin

Il Neues Museum ha riaperto nel 2009 dopo settant’anni di chiusura e rovina. L’artefice dello splendido restauro dell’edificio e del concetto espositivo del Neues Museum è David Chipperifeld, e il risultato del suo lavoro vale da solo la visita al museo.

La collezione comprende il Museo Egizio (nel quale brilla la bellezza del suo pezzo più famoso, il busto di Nefertiti) con la collezione statale di papiri, il museo di preistoria e storia antica, una parte della collezione di antichità greche e romane dei musei di Berlino.

BerlinAndOut propone la visita guidata all’interno del Neues Museum: per prenotare cliccate qui!

Neues Palais Am Neuen Palais, Potsdam

Il Palazzo nuovo fa parte del complesso di parchi e castelli della città di Potsdam. Il complesso fu voluto nella seconda metà del Settecento da Federico il Grande, e il Neues Palais rappresenta uno degli ultimi esempi del Barocco tedesco. Ospita oggi alcune facoltà dell’università di Potsdam, ed è visitabile come parte del complesso museale di Sanssouci.

Nikolaikirche | Stadtmuseum Berlin Nikolaikirchplatz, Berlin

La Chiesa di San Nicola è la più antica di Berlino. Risale agli inizi del 13mo secolo, e costituisce il cuore del Nikolaiviertel, il quartiere di San Nicola, che è l’unica zona della Berlino medioevale ad essere sopravvissuta al Ventesimo Secolo.

Oggi la Chiesa ospita un museo e molto spesso dei concerti, che risultano molto godibili grazie all’acustica eccellente.

Pergamonmuseum Am Kupfergraben 5, Berlin

Il Museo di Pergamo è il “gigante” dei musei di Berlino, il più famoso e il più visitato.

Fa parte del complesso museale dell’Isola dei Musei di Berlino, e la sua collezione si compone di opere architettoniche e scultoree di arte antica, provenienti dal sud-est europeo e dal Medio Oriente. Spettacolari l’altare di Pergamon, ricostruito attorno al fregio originale, e la porta babilonese di Ishtar.

BerlinAndOut propone la visita guidata all’interno del Museo di Pergemon: per prenotare cliccate qui!

Reichstag (Cupola ed edificio del Parlamento)

La cupola di vetro che sovrasta il Parlamento tedesco è considerata il capolavoro dell’architetto inglese Norman Foster ed è uno dei luoghi più visitati al mondo. Dalla primavera del 2011 le regole per l’ammissione alla visita sono diventate più ferree di prima, e non è più sufficiente armarsi di santa pazienza e fare la proverbialmente lunga coda: la visita è possibile solo previa prenotazione dell’ingresso da parte dei visitatori.

Per prenotare l’ingresso dovrete fornire i vostri dati – nome e cognome, data di nascita, numero di un documento valido – tramite il sito www.bundestag.de. Il sito è online in tedesco, inglese, francese e arabo.

Schloss Cecilienhof Im Neuen Garten, Potsdam

Il castello Cecilenhof è l’ultimo in ordine di tempo ad essere costruito dalla famiglia reale Hohenzollern nei pressi di Potsdam.

Eretto a cavallo tra il Diciannovesimo e il Ventesimo secolo nello stile delle case di campagna inglesi, il castello verrà utilizzato solo brevemente dalla famiglia reale, per entrare poi a fare parte del patrimonio artistico della regione Brandeburgo.

L’esposizione all’interno ripercorre i temi e i momenti salienti della Conferenza di Potsdam dell’estate 1945, durante la quale i capi della potenze alleate sancirono la divisione della Germania in quattro zone d’occupazione.

Schloss Charlottenburg Spandauer Damm 20-24, Berlin

Il castello di Charlottenburg, nell’omonima zona della città, viene eretto alla fine del 17mo Secolo nello stile del barocco italiano.

Il primo Re di Prussia Federico I darà in seguito alla città e al castello il nome della sua defunta consorte, Sophie Charlotte.

Oggi è possibile visitare le sale del castello, avere una panoramica sulla storia della corte degli Hohenzollern e ammirare i molti dipinti della scuola francese presenti nelle sale.

Schloss Sanssouci Maulbeerallee, Potsdam

Il castello di Sanssouci è il più diretto esempio dello stile e del gusto di Federico Secondo.

Il castello fu voluto dal sovrano come residenza estiva e luogo di contemplazione, dove ritirarsi nella pace della campagna e dedicarsi agli studi di filosofia.

Un tempo centro culturale molto attivo intorno alla corte del sovrano, oggi il castello offre al visitatore un’immagine molto precisa della vita di corte e del movimento culturale di quegli anni.

Schwules Museum Mehringdamm 61, Berlin

Il museo dell’omosessualità è un’istituzione unica nel suo genere.

Dagli anni Ottanta del ventesimo secolo questo museo raccoglie opere d’arte, interventi culturali, storie e oggetti connessi alla vita della comunità omosessuale.

Stasimuseum Ruschestraße 103, Berlin

Il Museo della Stasi, il servizio segreto della Germania est, occupa le sale dell’ex Ministero per la sicurezza interna della DDR.

L’esposizione mostra gli uffici dei più alti funzionari di quest’organo, espone le tecniche di controllo sulla popolazione e i loro strumenti, oggetti tecnologicamente molto avanzati sviluppati dagli anni Settanta in poi per scovare ogni forma di dissenso. Anche i diversi tentativi di dissidenza al sistema e la loro sistematica soppressione sono qui documentati.

Stiftung Neue Synagoge Berlin – Centrum Judaicum Oranienburger Straße 28/30, Berlin

La Nuova Sinagoga è il simbolo della comunità ebraica a Berlino e della persecuzione operata dal nazionalsocialismo.

La bella cupola dorata della sinagoga in Berlin Mitte nasconde un grande spazio vuoto: la sinagoga non sopravvisse alla guerra, e la superficie sulla quale sorgeva viene lasciata così, vuota. Come spesso a Berlino, a memoria di un vuoto ben più grande lasciato dalle migliaia di ebrei tedeschi scomparsi dalla città.

The Story of Berlin Kurfürstendamm 207-208, Berlin

La storia di Berlino: la mostra racconta passo passo tutta l’evoluzione di quello che settecentocinquanta anni fa era solo un piccolo villaggio sulle rive della Sprea.

Il regno degli Hohenzollern, l’impero, la Repubblica di Weimar, il Terzo Reich e la città divisa: tutto questo viene raccontato con testi, immagini e reperti delle diverse epoche della storia di Berlino.

Topografia del terrore Niederkirchnerstraße 8, Berlin

La Topografia del Terrore (qui l’articolo di BerlinAndOut al riguardo) occupa uno spazio del terrore: l’areale dove sorgeva l’ex quartier generale delle SS e prigioni della Gestapo, del quale rimangono visibili i muri delle cantine sotto il livello del suolo. La mostra esposta nelle cantine e nel padiglione edificato al centro dell’areale ripercorre le azioni e i metodi della repressione ai tempi del nazionalsocialismo.

In un dettagliato racconto degli eventi succedutisi tra il 1933 e il Dopoguerra la mostra ripercorre la violenza nazista in Germania e nell’Europa occupata, con uno sguardo alle conseguenze della dittatura per il Paese e alla risonanza internazionale dei processi nazisti del Dopoguerra.

                  BerlinAndOut propone visite guidate in alcuni dei musei di Berlino; per maggiori informazioni cliccate qui.

4 thoughts on “I Musei di Berlino

  1. Ciao! Avrei bisogno di un’informazione. Dovrei soggiornare a Berlino per 6 giorni utilizzando la Berlin WelcomeCard e vorrei sapere se ci sono tariffe ridotte per persone con disabilità (musei, varie attrazioni).
    Vi ringrazio e vi saluto.

    1. Ciao Margherita,
      Nei musei statali (questi: http://www.smb.museum) esibendo il tesserino di disabilità, anche italiano, si ha diritto alla tariffa scontata del 50%.
      Questa regola vale anche per alcuni altri musei – ma non tutti: ogni museo privato ha il suo regolamento.

  2. Ciao! Starò a Berlino per circa tre settimane, sono già venita un paio di volte ed ho girato abbastanza…ho sentito che l’isola dei musei è gratis il giovedì dalle 18 in poi..mi confermate questa notizia? Ho già visitato la Neue e il Pergamon ma vorrei tanto vedere anche la mostra degli Espressionisti…grazie! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *