I Teatri di Berlino

teatri di berlino
Volksbühne, Rosa-Luxemburg-Platz

I teatri di Berlino: non solo prosa tedesca

Spesso quando siamo all’estero scartiamo la possibilità di andare a teatro, convinti che l’ostacolo linguistico sia insormontabile. A Berlino possiamo invece godere del teatro e della cultura della città anche senza conoscerne la lingua. Città multiculturale e poliglotta, Berlino ha fatto di questa sua Babele una risorsa creativa inesauribile.

Musical e Varietà

Spettacoli di puro intrattenimento: musica, balletti, luci e scenografie rutilanti, sono i più adatti a chi vuole passare un paio d’ore divertendosi come fosse a Broadway. Oltre agli spettacoli presentati all’Admiralpalast (che si vanta di essere la Las Vegas di Berlino) e i famosissimi Blue Men in scena a Potsdamer Platz (procuratevi i biglietti in tempo perché vanno a ruba tra i turisti), vi segnaliamo:

Chamaeleon: potrete gustare uno spettacolo di danza e acrobazie insieme a un cocktail mentre sedete ai tavolini di questo piccolo teatro negli Hackesche Höfe. Una compagnia giovanissima di giocolieri, contorsionisti e ballerini cerca di riportare in vita il cabaret di un tempo ma con uno stile freschissimo e scanzonato. Adatto a chi non parla tedesco.

Wintergarten: spettacoli grotteschi ricchi di invenzioni scenografiche, acrobazie e musica, per chi vuole vivere un’esperienza di cabaret decadente e un po’ dark, souvenir dei dorati anni Venti di Berlino. Adatto a chi non parla tedesco.

Theater des Westens: in questa bomboniera di inizio novecento si allestiscono oggi i musical che arrivano da Londra e Broadway. Attenzione: spesso sono tradotti in tedesco!

Opera

Così come due zoo, due sale concerti, Berlino vantava (almeno) due Opere: quella fondata da Federico II su Unter den Linden e quella costruita a Berlino Ovest dopo la seconda guerra mondiale. Ma l’offerta è ampliata da:

Komische Oper: nata come versione tedesca dell’Opera Comique parigina ha offerto spettacoli divertenti e provocanti per il bel mondo berlinese. Oggi continua a offrire un cartellone ricco di Operette, opere buffe, balletti ma soprattutto messinscene che si divertono a rompere i canoni della classicità, con spirito ironico, sensuale, irriverente.

Neuköllner Oper: anche l’Opera ha la sua scena off! Vi sorprenderà trovare un teatro dell’opera in mezzo alle luci dei negozietti, i kebabbari e il traffico di Neukölln, ma non ci sarebbe luogo migliore per un palcoscenico che ospita opere contemporanee, composizioni di autori giovani, con una ensemble di cantanti altrettanto giovane.

Teatri di Prosa

Max Reinhardt, Bertolt Brecht, Heiner Müller sono nomi che hanno fatto diventare Berlino la Atene del Novecento, segnando la storia della regia e della drammaturgia. Il Deutsches Theater, la bellissima Volksbuehne (dove potete capitare anche se siete in cerca di concerti e party) mantengono alto il profilo dei teatri di Berlino e con loro:

Schaubuehne: tempio della regia e della drammaturgia contemporanea. Messinscene spesso mozzafiato in un teatro tecnicamente all’avanguardia, dotato di una delle compagnie d’attori più celebri della Germania. Qui lavorano i massimi registi tedeschi (e spesso ospiti internazionali come l’italiano Castellucci).

Berliner Ensemble: non fatevi mettere in soggezione da queste mura dove è passata la storia del teatro. Bertolt Brecht e sua moglie Helene Weigel lo rifondarono nel 1949 col preciso intento di offrire “spettacoli contemporanei” che parlassero cioè al pubblico del proprio tempo. Ricco ovviamente il repertorio brechtiano. È possibile mangiare (bene!) nella mensa del teatro insieme alla compagnia degli attori (che però ha il tavolo riservato dati i tempi stretti tra prove e spettacolo), mensa voluta proprio dalla Weigel per tenere in contatto l’attore e il pubblico, l’arte e il popolo.

Gorki: tra classicità e sperimentazione il piccolo teatro sulla Unter den Linden non si fa schiacciare dai giganti, ma leva forte la sua voce senza timore di offendere i politici. La nuova giovane intendente ha scelto una linea artistica precisa: tutti gli spettacoli sono presentati con i sovratitoli in inglese, perché Berlino è il crocevia di arti, voci, colori di tutto il mondo e il suo teatro deve esserne all’altezza.

Teatri Sperimentali

Ammesso che a Berlino la sperimentazione è di casa anche sui palcoscenici più tradizionali e che quindi non è facile segnare una chiara linea di demarcazione, potrete trovare spettacoli sempre innovativi, spesso multimediali, molto spesso interattivi sui questi palcoscenici:

Hau 1 2 3: queste tre sale teatrali nel quartiere di Kreuzberg offrono spettacoli di levatura internazionale, con un’attenzione speciale per le opere multimediali, la danza, la musica, la produzione teatrale berlinese. Molto bello anche il bar del teatro, dove si può continuare a chiacchierare e divertirsi dopo lo spettacolo. Se acquistate il biglietto controllate bene in quale delle tre sedi è in scena il vostro spettacolo!

Sophiensaele: l’edificio che ospita le sale teatrali è un residuo della vecchia Berlino, cotto rosso, sfregi di pallottole sulla facciata, interni d’epoca. Il teatro invece è assolutamente innovativo, offre spettacoli internazionali ed è impegnato (insieme ad Hau) a dare uno spazio “ufficiale” a tutta la produzione off berlinese con il festival “100 Grad”.

Theaterhaus Mitte: in questa scuola abbandonata nel cuore di Mitte il teatro off, alternativo, giovane, indipendente ha trovato una casa. Non solo sono disponibili sale prove per ogni esigenza, ma la piccola sala teatrale, il giardino e a volte l’intero edificio vi permettono di scoprire come lavorano e cosa raccontano le giovani compagnie di Berlino. Le quali – sorpresa? – parlano moltissime lingue (italiano incluso).

Teatro di Oggetti (Burattini, Marionette, Ombre cinesi)

Se in Italia è stato relegato a residuo folkloristico o “roba da bambini”, nel cuore dell’Europa il teatro di oggetti invece è sempre stato considerato una produzione alta, capace di voli poetici e invenzioni fantastiche che la prosa spesso non raggiunge.

Schaubude: propone una interessantissima stagione di teatro d’oggetti sia per i bambini sia per gli adulti. Qui scoprirete come un attore possa farvi commuovere con l’ombra della sua mano o muovendo un pezzo rotto di bambola. Adatto a chi non parla tedesco.

Teatro Ragazzi

Berlino è una città dove è bello essere bambini. Per loro ci sono moltissime occasioni di intrattenimento. E siccome ci sono sempre più bambini italiani non stupitevi di trovare piccoli teatri di quartiere che offrono spettacoli adatti ai vostri pargoli, ad esempio sotto “A Livraria/Mondolibro” libreria di letteratura spagnola e italiana in Torstrasse (Mitte).

Theater am Parkaue: un’attenzione speciale alla produzione di questo grande teatro ragazzi che ha creato una stagione speciale rivolta ai teen-ager. I competitori sono fortissimi: ipad, telefonini, internet, videogiochi, tv, ma la direzione artistica ha scelto di non demordere, convinta che ci possa essere un modo di parlare ai ragazzi e coinvolgerli in una forma artistica che non accetta assolutamente di essere “roba da vecchi”.

Danza Contemporanea

In una città multi-kulti come Berlino la danza contemporanea è sempre più padrona delle scene. Gioca a suo favore la sua capacità di comunicare con la purezza del corpo oltre i limiti della parola.

Dock 11: piccola sala sulla Kastanienallee offre spettacoli di danza contemporanea, performance, workshop, micro festival.  Abbastanza fisso l’appuntamento con le serate di danza Butoh.

Radialsystem: oltre la sua bellissima location sul fiume (perfetta per un aperitivo prima dello spettacolo) troverete in questa nuova realtà berlinese una stagione di altissimo livello, con coreografi eccelsi e celebri compagnie di danza internazionali. Vi sembrerà di essere a Bruxelles o in Olanda, finora i migliori palcoscenici per la danza contemporanea

Nota 1: la differenza principale tra l’organizzazione dei teatri italiani e quella dei teatri tedeschi è il cartellone. Nei teatri più importanti gli spettacoli restano in scena 1 o 2 giorni per poi ripresentarsi a distanza di qualche settimana. Quindi bisogna essere rapidissimi nell’acquistare i biglietti. Anche perché, a differenza dei teatri italiani, i teatri di Berlino sono sempre pieni. Esiste – ad esempio all’Opera – la possibilità di acquistare biglietti last minute.

Nota 2: i teatri tedeschi sono puntualissimi. Se arrivate in ritardo alcuni teatri vi lasceranno entrare ma solo dopo i primi dieci minuti (per non guastare lo spettacolo a chi è arrivato puntuale). In alcuni teatri di Berlino– ad esempio lo storico Ensemble di Brecht – è anzi in uso lasciare accese le luci in sala per il primo quarto d’ora per permettere a questi ritardatari di entrare e sedersi. Poi si spegne tutto e chi è rimasto fuori… fuori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *